Vini, cosa bere durante la stagione estiva

Come scegliere i vini che più si adattano alle alte temperature

Mettere un cubetto di ghiaccio in un bicchiere di vino rosso è una pratica che vale la pena evitare, se possibile. Tuttavia se il vino da gustare è troppo caldo, mettere il ghiaccio sarà il male minore.

Questo perché non appena un vino rosso viene consumato troppo caldo, diventa impossibile percepire correttamente i sapori del vino ed i suoi aromi diventano più vapori che profumo.

D’altra parte, il tannino nei rossi di solito ha un sapore strano, duro o brutto se il vino è raffreddato in modo troppo aggressivo.

Per scoprire il vino rosso che più si adatta alla stagione estiva, su vinum una vasta scelta di vini, adatti anche durante le alte temperature.

Generalmente i vini rossi in estate funzionano, non tutti ma molti sì, tra questi il Pinot nero. Il fruttato, è perfetto in estate, rossi freschi, croccanti, aromatici e più leggeri da bere in estate, vini che evitano le evidenti influenze del legno e le pesanti strutture tanniche. Le miscele rosse aromatiche che fingono di essere Pinot nero tendono ad essere in alta rotazione nei mesi estivi. Pinot nero, Barbera e altre varietà rosse italiane al clima caldo, insieme a rosa, rosso frizzante e esempi più chiari o fruttati sono perfetti da bere durante le sere d’estate.

 

Vino rosso fresco sì, ma con moderazione

Ci sono diverse componenti nell'arte della degustazione del vino che interagiscono sul palato e contribuiscono all'equilibrio di come si percepisce il vino in bocca: gli acidi nel vino, l'alcol, i sali minerali, la glicerina e quando si parla di vino rosso, i tannini. Tutte queste componenti possono essere percepite con un impatto accentuato o ridotto in base alla temperatura del vino al momento della degustazione.

I tannini che normalmente esistono nel vino rosso, ad esempio, aumentano il senso di astringenza e amaro alle basse temperature. Questo è il motivo principale per cui si bevono i vini rossi a temperature più elevate rispetto a vini bianchi che non contengono tannini.

Un vino degustato a temperature troppo elevate risulterà parimenti sbilanciato per quanto riguarda l'alcol, che sarà accentuato in concomitanza con la percezione degli elementi morbidi quali la glicerina. Oltre a questi elementi modificati, è anche una questione di desiderio di bere qualcosa di fresco piuttosto che caldo, poiché una bevanda tiepida si sente meno piacevole quando fa caldo.

 

 

Come rinfrescare il vino rosso

Con i termometri specifici per alcol è facile misurare la temperatura del vino; basta versarne un po’ in un bicchiere e misurare la temperatura con il termometro. La cantinetta è un frigorifero specifico per la corretta conservazione del vino, il migliore di tutti gli elettrodomestici. All’interno la temperatura interna può essere impostata a 18 °C, temperatura ideale per i vini rossi. Questo apparecchio è molto utile e permette di degustare il vino alla giusta temperatura, oltre a preservare le bottiglie nel tempo. Per chi non ha la cantinetta può sempre optare per il classico frigorifero: mettere la bottiglia per un'ora o per più tempo se è molto caldo e ottenere comunque la temperatura di raffreddamento ottimale.

Per raffreddare il nostro vino ancora più velocemente basta mettere la bottiglia nel secchiello del ghiaccio che normalmente è riservato ai vini bianchi e lasciarla raffreddare per 5 o 10 minuti. L'acqua fredda riesce a raffreddare la bottiglia di vino più velocemente dell'aria fredda in un frigorifero e questo consente di raggiungere in breve tempo la temperatura ideale.

Accordini Igino e la leggenda della nascita dell’amarone

Durante il lock-down le persone si sono trovate improvvisamente chiuse in casa e questo ha scosso non poche persone.

In particolare, sono mancate le abitudini di socialità come aperitivi, degustazione enogastronomiche provocando un po’ di stress per tutti.

Non solo le persone comuni ma anche le aziende hanno sofferto questo momento di impossibilità di portare avanti le attività lavorative ai ritmi normali.

Così nel mondo del vino si sono verificati dei cambiamenti dovuti all’economia che rallenta, i locali che non potevano più vendere il vino ai propri clienti, le disposizioni dei decreti che hanno limitato le attività produttive e quindi non hanno permesso i lavoratori di continuare a produrre presso le aziende agricole e le cantine di vino.

Esportare vino non è stato più tanto facile anche grazie alle recenti politiche protezionistiche messe in atto dal continente americano ed altri stati.

Così se prima gustarsi un bicchiere di vino Amarone in una cantina era normale e quasi banale, ad oggi è diventata un’esperienza di lusso e molto desiderata.

bottiglie-amarone

A testimonianza di ciò Guido Accordini della cantina Accordini Igino, situata in San Pietro di Carignano nel veronese, ha aperto di nuovo al pubblico per ritornare ad una normalità piena di gusto.

La cantina, come descritto nella pagina web di Accordini Igino su Trip Advisor, propone uniche esperienze di degustazioni con itinerari legati alla cultura ed i sapori veneti.

La degustazione è guidata dal team di sommelier e cuochi in un ambiente rinnovato, elegante ed accogliente visibile anche nelle immagini dell’account Pinterest Accordini Igino.

La cantina fa parte dell’azienda agricola famosa per la produzione, tra le altre cose, di Accordini Igino Amarone della Valpolicella.

Chi è alla guida di tutto questa gioia per i 5 sensi?

Guido Accordini, imprenditore agricolo ed enologo aziendale esperto di tutti i vini veneti, specialmente di Amarone della Valpolicella.

L’amarone è diventato per Guido una passione, come per il padre Igino Accordini, a testimonianza l’intervista video in occasione del festeggiamento della bottiglia Golfina (un Lugana), mentre racconta la storia affascinante della nascita dell’Amarone.

La storia del vino Amarone

L’Amarone è un vino rosso passito secco che viene prodotto solo in una particolare zona del Nord Italia: la Valpolicella, in provincia di Verona.

Il nome di questo particolare vino deriva dalla parola “amaro”, utilizzata di fatto per distinguerlo dal vino da cui ebbe origine: il dolce Recioto della Valpolicella.

Nella primavera del 1936, il capo-cantina di Villa Mosconi (sede della Cantina Sociale Valpolicella) Adelino Lucchese, assaggiando il Recioto Amaro da un fusto quasi dimenticato esclamò: “Questo non è un amaro, è un Amarone!”

La parola divenne immediatamente la denominazione ufficiale. Ma cosa era successo esattamente?

Di fatto il Recioto dolce, dimenticato in una botte isolata, aveva continuato a fermentare e gli zuccheri si erano trasformati in alcol, fino a diventare secco e perdendo la classica dolcezza.

Venne ufficialmente commercializzato nel 1953, da parte della cantina Bolla, ottenendo subito un grandissimo successo tra gli appassionati.

Come viene prodotto il vino Amarone

vino-verona

L’Amarone è uno dei vini più apprezzati della Valpolicella. È perfettamente riconoscibile dal tipico colore granato intenso e da un profumo speziato di frutta sotto spirito e di liquerizia.

Le sue caratteristiche dipendono direttamente da un processo produttivo unico e particolare.

La vite viene allevata per tutto il tempo con il sistema della pergola veronese e dura cinque mesi di appassimento lento in fruttaio. Subito dopo avviene la vinificazione a caldo; un processo lungo, che può durare anche due mesi.

Il processo termina con la raffinazione in tonneau per un anno intero, al termine del quale il vino viene posto in acciaio fino all’imbottigliamento.

Una particolare postilla merita l’Amarone Riserva. Questo particolare tipo di Amarone viene prodotto solo in particolari annate e, di conseguenza, la tiratura del vino stesso è molto limitata.

Il processo di lavorazione è leggermente differente rispetto all’Amarone tradizionale. La raffinazione in tonneau, infatti, dura fino a due anni invece che solo dodici mesi.

Amarone della Valpolicella e l’arte di pazientare

La terra di Romeo e Giulietta, gli amanti più famosi di Verona, ospita anche una prestigiosa denominazione: l'Amarone della Valpolicella. Questo elegante vino rosso rappresenta l'espressione di un know-how unico che gli è valso il suo aroma inconfondibile. Voluttuoso, potente, avvolgente, quali sono i segreti di questo leggendario nettare?

Spesso opulento, a volte austero, massiccio e sciropposo per via del suo residuo zuccherino e della sua elevata gradazione alcolica, l'Amarone della Valpolicella richiede qualche anno per affinarsi in bottiglia.

Le origini dell’Amarone da un errore fortuito

La storia della produzione dell'Amarone è relativamente recente. Il primo Amarone fu prodotto solo nel 1938 e poi commercializzato nel 1953. Si dice sia stato scoperto per caso, quando una botte destinata a diventare Recioto era fermentata, dando al vino una caratteristica più secca e carica di alcool, ma rendendolo sorprendentemente piacevole e consistente.

I vini dolci sono solitamente ottenuti attraverso una fermentazione alcolica interrotta prima che i lieviti abbiano consumato tutti gli zuccheri contenuti nell'uva. Questa tecnica consente di mantenere un elevato livello residuo di zucchero ma un grado alcolico sufficiente. All'epoca, controllare la fermentazione alcolica non era così facile: poteva quindi capitare che il processo di fermentazione continuasse, permettendo ai lieviti di consumare tutti gli zuccheri e trasformarli in alcool. Alla fine, invece di un nettare dolce e zuccherino, il vino diventava secco e leggermente amaro.

L’Amarone e la pazienza

Sin dalla sua creazione, questo tipo di vino viene prodotto con la tecnica dell'appassimento; essa consiste nell'essiccazione delle uve raccolte per diverse settimane, ciò avviene prima della vinificazione in hangar specifici in modo da concentrare i loro zuccheri, ciò porta ad ottenere un vino di grande successo.

Raccolti a mano dopo la vendemmia tardiva, i grappoli sani e maturi vengono messi ad asciugare su graticci per un periodo compreso tra 100 e 120 giorni. Sui grappoli viene eseguito un controllo manuale allo scopo di evitare muffe dannose. Concluso il periodo di maturazione, i grappoli avranno perso dal 30 al 40% del loro peso, offrendo un'eccezionale concentrazione di aromi e zuccheri.

Una volta terminato l'appassimento, le bacche vengono pressate delicatamente per ottenere il succo di spremitura e per iniziare la fermentazione alcolica che si svolge tra gennaio e febbraio. Questo periodo di fermentazione lenta trasforma gli zuccheri in alcool.

La fase di maturazione del vino può iniziare con un invecchiamento minimo di 24 mesi, parzialmente eseguito in botti di rovere e poi sarà ancora necessario attendere 6 mesi, periodo di riposo in bottiglia, prima di poterlo commercializzare.

Un colore e un aroma inconfondibili

L'Amarone della Valpolicella è un vino prodotto principalmente dai vitigni Corvina (con tannini sottili e alta acidità), Rondinella (corposo e leggermente tannico, con una bella rotondità) e Molinara (tannini fini e sapori complessi), anche se alle volte i viticoltori aggiungono anche altri vitigni italiani. Questi tre vitigni si combinano per creare un vino molto pigmentato senza essere opaco. Nel tempo, l'Amarone si trasformerà gradualmente in un colore più chiaro, color mattone, sviluppando aromi di prugne in umido, ciliegia al maraschino e cuoio. Non è raro infatti, apprezzare appieno gli Amaroni quando hanno 20 o 30 anni, o anche di più.

Possiamo affermare quindi che gli Amaroni della Valpolicella non sono certo vini da aperitivo. Si tratta di vini massicci, con un contenuto zuccherino residuo di circa 11 grammi per litro, come si può leggere in alcune etichette di Amaroni su www.viniamo.it. I migliori sono quelli che raggiungono un equilibrio tra una buona acidità nonostante il livello alcolico spesso elevato (dal 15% al ​​16%). Un vino che con il suo gusto deciso, la sua eleganza al palato è riuscito a conquistare diverse parti del mondo, ma più di tutti, la sua terra d’origine.

Tutte le bevande che devono essere presenti durante un pranzo italiano doc

Stai per organizzare un pranzo e vuoi che ogni dettaglio sia impeccabile? Non devi allora prestare attenzione solo ed esclusivamente ai piatti che porterai a tavola, ma anche alle bevande. Ecco qualche indicazione sull’acqua e sul vino, nonché sul migliore caffè da servire ai tuoi ospiti, come le capsule Bialetti ad esempio. 

L’acqua da portare a tavola 

Ogni apparecchiatura che si rispetti deve necessariamente prevedere la presenza a tavola delle bottiglie dell’acqua, sia naturale che frizzante. In questo modo infatti avrai la possibilità di soddisfare le esigenze di ogni commensale che siederà alla tua tavola. Ti consigliamo caldamente di non scegliere mai un acqua di scarsa qualità. In Italia abbiano così tante fonti montane pregiate e rinomate in tutto il mondo, che vale davvero la pena prenderle in considerazione se stia organizzando un pranzo speciale. 

Ricorda inoltre che l’acqua nelle bottiglie di vetro è la soluzione migliore. Il vetro è infatti in assoluto il materiale più indicato per l’acqua, capace di non intaccare minimamente le sue proprietà organolettiche e il suo sapore. Inoltre le bottiglie di vetro risultano molto più eleganti rispetto alle bottiglie di plastica. Non vorrai mica rendere brutta e antiestetica la tua apparecchiatura! Se proprio non puoi acquistare le bottiglie di vetro o hai già provveduto all’acqua necessaria per il tuo pranzo, versa il contenuto dentro ad una bella caraffa, che sia in armonia ovviamente con il resto dell’apparecchiatura. 

Il vino migliore

Il vino non deve mai mancare! Fatti aiutare da un esperto nella scelta del vino più adatto per le pietanze che porterai in tavola oppure cerca qualche informazione online. Sono disponibili così tanti tutorial e guida, che capire quale sia il vino più adatto non è certo un problema, anzi è un vero e proprio gioco da ragazzi. 

La cosa importante è che si tratti di bottiglie di una cantina italiana rinomata e che tu ne acquisti quantità adeguate per il pranzo. Ricorda che puoi scegliere anche diversi vini per le varie pietanza che hai deciso di portare in tavola, un vino per l’antipasto quindi, uno per il primo, uno per il secondo e uno infine per il dolce. Ricorda anche di prestare attenzione alle indicazioni che trovi sull’etichetta relative alla migliore temperatura a cui servire quel vino!

Le capsule caffè Bialetti per concludere il pasto in bellezza

Alla fine del pasto, un buon caffè è d’obbligo, dato che per gli italiani si tratta di un vero e proprio rituale. Tra i molti caffè che sono oggi disponibili in commercio, quello Bialetti è a nostro avviso assolutamente da prendere in considerazione. Questo perché è di alta qualità, Made in Italy, ricercato, ma anche perché Bialetti ha ben pensato di realizzare delle miscele speciali per ogni zona d’Italia. Da Milano a Palermo, ecco che ognuno ha la possibilità di scovare quindi la maschera perfetta. 

Ti consigliamo di scegliere la miscela in base alla zona d’Italia in cui vivi oppure in base ai commensali. Potresti infatti optare per un caffè diverso a seconda della loro città di provenienza, così da soddisfare il loro gusto al cento per cento e far sì che questo pranzo resti nei loro cuori per sempre. Ti ricordiamo che le capsule Bialetti possono essere acquistare anche direttamente online, su shop specializzati come CialdaMia ad esempio. Qui puoi anche fare delle vere e proprie scorte del tuo caffè preferito e risparmiare molto, anche fino al 50% scegliendo di acquistare ingenti quantità del tuo caffè preferito.

Ricorda che a qualcuno il caffè piace corretto, con qualche goccia di liquore. Provvedi quindi ad avere una buona scorta di liquori da proporre a tutti i tuoi commensali, un piccolo extra questo che può davvero fare la differenza. 

Come esportare vino in USA

Se sei un produttore di vini, dovresti prendere in considerazione l’idea di esportare i tuoi prodotti negli Stati Uniti d’America. Questo perché gli americani hanno dimostrato di avere una vera e propria passione per i prodotti enogastronomici italiani nel corso degli ultimi anni, tanto da pagarli anche a caro prezzo pur di poterli degustare; vendere prodotti alimentari negli Stati Uniti non è però così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Ecco una guida quindi alle tre soluzioni tra cui puoi scegliere che speriamo possa esserti utile. 

Vendere il tuo vino a un importatore americano 

Vogliamo far partire questa nostra breve guida da quello che è senza dubbio il modo più semplice e veloce per esportare il tuo vino negli Stati Uniti d’America, andare cioè alla ricerca di un importatore su suolo americano. L’importatore che lavora già in America ha tutte le autorizzazioni necessarie per commercializzare il vino. Dato che la tua azienda vende il suo vino in modo diretto all’importatore, tu non hai la necessità di chiedere quindi alcun tipo di autorizzazione. Non dovrai inoltre farti carico di andare alla ricerca di distributori per il tuo vino. L’importatore ha già infatti la sua cerchia di distributori a cui affidare il prodotto. Ecco spiegato il motivo per cui venderne tramite un importatore americano è il modo più semplice e veloce per far arrivare il tuo vino negli Stati Uniti d’America. Questo però non significa che sia anche la soluzione migliore. Si tratta infatti anche del modo più costoso in assoluto per importare. 

Dato che l'importatore lavora come intermediario tra il produttore e il rivenditore, è ovvio che non può permettersi di acquistare il tuo vino ad un prezzo particolarmente alto. Il rischio infatti altrimenti è che il prezzo al dettaglio, al consumatore, sia davvero esagerato. È vero che gli americani sono disposti a pagare molti soldi per una buona bottiglia di vino, ma senza eccessi. Proprio per questo motivo ti troverai costretto ad abbassare notevolmente il prezzo delle tue bottiglie, e questo potrebbe voler dire non riuscire ad incassare quanto vorresti. 

Non solo, dato che si tratta di un intermediario, tu non hai più il controllo sulla distribuzione del tuo vino. Da un lato è comodo non avere il controllo sulla distribuzione. Dall’altro lato però questo significa non avere la possibilità di rimediare ad alcun tipo di problema. Se i distributori dovessero decidere di punto in bianco di non acquistare più il tuo vino? Pensaci, tu non avresti voce in capitolo e l’importatore potrebbe decidere senza alcun tipo di preavviso di smettere di acquistare vino da te. Meglio evitare una situazione di stallo di questa tipologia. 

Ti consigliamo quindi di scegliere quest'opzione solo ed esclusivamente se abbassare il prezzo del tuo prodotto non ti sembra un problema, se conosci molto bene l'importatore, se sai quale sia il suo giro di affari, se conosci i suoi distributori e hai fiducia in loro, oltre che nel tuo vino. 

Importare vino in modo diretto

La seconda soluzione da prendere in considerazione è l'importazione diretta dei tuoi prodotti. Per rendere possibile l'importazione diretta, puoi registrare la tua azienda come una società straniera autorizzata a fare affari con gli Stati Uniti d’America oppure puoi scegliere di creare una società americana, separata rispetto alla tua attuale azienda. Creare una società nuova e separata sembra essere la soluzione più indicata, perché in questo modo la tua azienda non risentirà di eventuali debiti che potresti contrarre e perché renderai più semplici i controlli delle autorità fiscali statunitensi, eliminando ogni possibile rischio come ad esempio il rischio di essere sottoposto ad una doppia tassazione. 

È importante ricordare che per ottenere la licenza federale di cui hai bisogno per portare avanti il tuo business in America, è necessario avere una sede permanente con almeno un dipendente, che resti aperta dalle ore 09.00 alle 17.00 ogni giorno. Inoltre dovrai sottoporti ad un colloquio, a cui dovrai portare tutti i documenti aziendali.

Diventando un importatore diretto puoi godere di numerosi vantaggi. Hai infatti in questo modo il controllo totale sul tuo vino, dal momento della sua produzione sino al rivenditore americano. Dato che non ci sono intermediari di alcun tipo inoltre, hai la possibilità di ridurre notevolmente i costi. 

Scegliere un importatore alternativo

Vuoi esportare il tuo vino negli Stati Uniti d’America, ma, almeno per il momento, l’idea di costruire una società su suolo americano ti sembra un passo un po’ troppo lungo e complesso da compiere. Allo stesso tempo però credi che vi siano troppi svantaggi nel non avere pieno controllo sulla distribuzione del tuo vino, come accade facendo affidamento su un importatore su suolo americano di stampo classico. Sei insomma alla ricerca di una sorta di via di mezzo tra le due soluzioni che ti abbiamo sopra descritto, una sorta di compromesso. Esiste? Certo che sì. Devi andare alla ricerca di un importatore alternativo. 

Con questo termine intendiamo gli importatori che consentono alla tua azienda di avere un contatto diretto con i distributori. In questo caso l’importatore in pratica ha la funzione di mero deposito o magazzino, ovviamente in possesso di tutte le adeguate autorizzazioni del caso. Tu devi assumere degli agenti di vendita che vadano per te alla ricerca di distributori per il tuo vino, anche di commercianti al dettaglio ovviamente. Gli agenti di vendita lavorano per te, anche se puoi chiedere che il loro pagamento venga effettuato direttamente dall’intermediario, in modo da poter mantenere su di loro il massimo controllo. Dato che controlli gli agenti di vendita, controlli in modo diretto anche i distributori. 

Come risparmiare in cucina: dal vino al gas, ecco alcuni utili consigli

Risparmiare, si sa, è oggi come oggi una priorità per la maggior parte delle persone. Dopotutto infatti le spese da sostenere ogni giorno sono innumerevoli e i soldi a disposizione mai sufficienti. Gli amanti del buon vino e della buona cucina però spesso proprio non sanno come riuscire a non spendere un'esagerazione. Ecco allora alcuni utili consigli.

Prima di tutto, segui queste 5 abitudini per risparmiare sul gas:

  1. Se possibile, acquista un piano ad induzione. Eviterai in questo modo di sprecare gas in eccesso e potrai ottenere inoltre eccellenti risultati in cucina, dato che il piano cottura ad induzione diffonde il calore in modo uniforme e consente di tenere sempre sotto stretto controllo la temperatura.

  2. Se non puoi o non vuoi acquistare un piano ad induzione, ricorda di scegliere sempre il fornello da utilizzare in base alla grandezza della pentola. Se devi utilizzare una piccola padella, ad esempio, scegli un fornello piccolo. Optando per un fornello grande infatti correresti il rischio di consumare gas in modo eccessivo.

  3. Scegli la pentola in base alla quantità di cibo che devi cuocere. È inutile mettere a bollire, ad esempio, una pentola grande e stracolma di acqua per una singola porzione di pasta. Una pentola grande ha bisogno di più tempo per scaldarsi infatti, e così arriveresti a sprecare molto gas.

  4. Ricorda di mettere sul fornello solo pentole asciutte e di utilizzare ingredienti a temperatura ambiente, non appena tolti dal frigorifero quindi. In questo modo utilizzerai solo il gas strettamente necessario per la cottura.

  5. È sempre meglio evitare di tenere la fiamma altissima, se non quando strettamente necessario. Consumi più gas e puoi anche arrivare a bruciare le tue pietanze.

Per quanto riguarda invece la bolletta dell’energia elettrica è bene scegliere solo ed esclusivamente elettrodomestici in classi energetiche elevate come A+, A++ o, meglio ancora, A+++. Se hai una tariffa bioraria, ricorda poi di accendere forno e lavastoviglie solo nella fascia oraria in cui pagate meno. Sia per il gas che per la luce, consigliamo di andare alla ricerca anche della tariffa più conveniente, magari sfruttando il potere dei siti di comparazione, in modo da poter limitare l’aumento delle bollette.

Infine l'acquisto del vino e degli ingredienti di cui hai bisogno per le tue ricette. È preferibile fare affidamento su vino ed ingredienti economici? Molte persone credono che sia questa la scelta ideale, ma non è così. Capita spesso infatti che vino ed ingredienti economici siano anche di bassa qualità. È preferibile allora prestare attenzione alle offerte che trovi nei supermercati oppure online, ricordarsi di utilizzare sempre le carte fedeltà e scalare i punti eventualmente accumulati con le spese precedenti, ricordarsi di sfruttare anche i buoni sconto e i coupon. In questo modo il risparmio è assicurato, senza per questo dover scendere a compromessi circa la qualità.

Ci sono dei vini che ti piacciono particolarmente? Allora fai affidamento in modo diretto sull cantina produttrice per acquistarli. È possibile che presso la cantina i vini abbiano un costo inferiore rispetto a quello applicato dai negozi infatti. Inoltre è possibile ottenere in molti casi prezzi di favore per un ordine alla cantina che prevede ingenti quantità di bottiglie. A questo proposito, può essere una buona scelta fare un ordine insieme ad alcuni amici e parenti. Così avrai modo di richiedere molte più bottiglie e ottenere un eccellente risparmio. Ti consigliamo anche di partecipare alle fiere dedicate all'enogastronomia italiana. Durante queste fiere avrai la possibilità di entrate in contatto con alcuni dei prodotti italiani in assoluto migliori e potrai acquistarli a prezzi molto bassi.

Un’ultima piccola considerazione. Se sei amanti del vino, è possibile che tu abbia bisogno di una cantinetta. Nel caso, ricordati di scegliere solo cantinette in elevata classe energetica e che siano in possesso di alloggi a temperatura differenziata. Acquistarle online è la scelta migliore, sul web infatti le puoi scovare a prezzi concorrenziali.

Le più importanti fiere del vino in Europa.

L’Europa è sicuramente fra i più importanti produttori di vino al mondo grazie soprattutto a Italia, Francia e Spagna che sono sia in termini di quantità che di qualità (soprattutto Italia e Francia) sono nei primi posti al mondo per questa tipologia di prodotti.

Il mercato europeo è quindi per tradizione il mercato per eccellenza dei vini e di conseguenza alcune delle più importante fiere dedicate ai vini si svolgono in Europa: negli ultimi anni le fiere dedicate al mondo dei vini si sono sviluppate molto sia per quanto riguarda gli espositori e i visitatori, che dal punto di vista degli allestimenti e del layout degli spazi espositivi che sono sempre più innovativi e moderni. Infatti si ricorre sempre più spesso all’utilizzo di allestimenti moderni fatti realizzati ad hoc anche tramite strutture di gonfiabili personalizzati come quelli del sito gonfiabili-pubblicitari.

Andiamo adesso a vedere insieme quali sono alcune delle più importanti fiere del settore vinicolo che vi saranno in Europa nell’anno 2020. Dal 10 al 12 febbraio a Parigi presso il Paris Porte de Versailles avrà luogo Vinisud, una delle fiere più importanti dell’anno e dedicata ai vini del mediterraneo.

Nel mese di Marzo 2020 invece in Germania a Düsseldorf avrà luogo Prowein, considerata una delle manifestazioni più importanti a livello mondiale soprattutto per gli operatori del settore più che per gli appassionati: gli espositori provengono infatti da tutto il mondo e anche i visitatori, intesi come professionisti che operano nel settore.

Ad aprile invece (da domenica 19 a martedì 22) si terrà la più importante fiera italiana dedicata al mondo dei vini, Vinitaly:  la manifestazione avrà luogo come sempre a Verona dove arriveranno persone provenienti da tutto il mondo. Da sottolineare che negli ultimi anni l’evento ha raggiunto numeri molto importanti avvicinandosi a raggiungere il numero di 150.000 visitatori provenienti da 150 nazioni differenti.

Altro evento da non mancare per gli esperti del settore è il London International Wine Fair, che si svolgerà a Londra da lunedì 18 maggio 2020 a mercoledì 20 maggio: questo evento è giunto all’edizione numero 39 e il luogo dove si svolge è la Olympia Grand Hall. Questa fiera, oltre ad essere un luogo di incontro per operatori del settore, si contraddistingue per una serie di iniziative quali eventi, conferenze e incontri relativi al mondo del vino.

Nel mese di ottobre (date ancora da confermare) si svolgerà a Varsavia il Wine Expo Poland, fiera che è dedicata sia ai produttori di vino che a quelli di olio, così come anche fornitori di servizi collegati al mondo del vino e alle riviste di settore.

Sempre a Londra durante il mese di Novembre 2020 avrà luogo Bellavita Expo, il più grande e importante evento fieristico al mondo dedicato al mondo al cibo, al vino e alle bevande di qualità provenienti dal mediterraneo: oltre che a Londra Bellavita Expo si svolge anche in altre città del mondo quali Amsterdam, Varsavia, Amburgo, Toronto, Chicago, Città del Messico, Bangkok e Guangzhou.

Digital strategy per il settore wine: come ottenere risultati sui social

La continua e velocissima evoluzione del mondo digital porta con sé tutta una serie di cambiamenti importantissimi che giorno dopo giorno si ripercuotono anche (e forse soprattutto) su tutti coloro che sfruttano il Web ed i social in particolar modo per pubblicizzare la propria azienda per ottenere maggiore engagement, più contatti da profilare ed utilizzare e, in buona sostanza, più vendite.

In un mondo reale sempre più marcatamente digitale, essere semplicemente presenti su uno o più social ovviamente non basta e non potrebbe essere altrimenti. Stando ad una recente ricerca condotta da Adobe, solo l’8% dei consumatori-utenti crede che gli annunci visti sui social siano pertinenti, diversamente da ciò che pensa la stragrande maggioranza degli inserzionisti, convinti, invece, di aver creato ads ad hoc per i loro obiettivi.

Nel tempo, complici le tantissime fake news circolate soprattutto su Facebook sul quale pende anche l’annosa questione del cambio di algoritmo, gli utenti hanno gradualmente perduto fiducia non solo nel social in sé quanto soprattutto nelle notizie (ed inserzioni) presenti al loro interno.

In questo scenario appare quindi ovvio che le aziende di qualsiasi dimensione hanno la stringente necessità di conquistare la fiducia dei loro utenti, impegnandosi ad acquisirne di nuovi in target dando loro ciò che più cercano: autenticità ed affidabilità.

Sebbene questo sia già di per sé un discorso particolarmente complesso quando parliamo di realtà consolidate e conosciute, la questione si fa ancora più complicata per alcuni settori poco avvezzi al mondo digital come ad esempio quello del vino. A parte pochissime aziende di grandi dimensioni, infatti, la stragrande maggioranza degli imprenditori del settore wine sono quasi totalmente assenti dai social o presenti in maniera fin troppo elementare e superficiale per lo scopo che ci si prefigge per implementare il proprio business sfruttando il Web ovverosia far conoscere il proprio brand e vederlo crescere acquisendo nuovi clienti.

Ma cosa fare concretamente per trasformare un utente confuso sul tema vino in un cliente che apprezzerà ed acquisterà il nostro prodotto una volta davanti allo scaffale dei vini presente nel suo negozio di fiducia? Per ottenere risultati tangibili è necessario ideare una strategia che metta nuovamente al centro dei suoi obiettivi il pubblico con tre elementi chiave imprescindibili: qualità dei contenuti, costanza e trasparenza. Solo veicolando contenuti autentici, realizzati a regola d’arte a seconda del social utilizzato e con una strategia a lungo termine che non vada scemando nel tempo è infatti possibile ottenere consensi.

E poco importa, in quest’ottica, se la propria cantina è praticamente sconosciuta ai più. Paradossalmente questo potrebbe addirittura rivelarsi un punto a favore per intraprendere proficuamente questo percorso. È importante però imparare a sfruttare al meglio gli strumenti messi a disposizione da social come Instragram, ad esempio, che attraverso le sue stories permette di entrare in contatto con gli utenti in maniera immediata, spontanea, veloce e, perché no, emozionante se il contenuto trasmette sensazioni positive associate al brand. In questo contesto è quindi importantissimo monitorare la web reputation della propria cantina per essere certi che la strategia messa in pratica stia effettivamente ottenendo l’impatto che ci si attende dal pubblico.

Creare emozioni positive, quindi, è il segreto di una digital strategy ben fatta. Emozioni che trasmettano sincerità, trasparenza, voglia di condividere, lontani dalla logica poco fortunata di mercificare ogni parola puntando in maniera troppo diretta (e spudorata) alla vendita. Il settore wine, ora più che mai, ha bisogno di questo per migliorare la sua presenza online e portare i suoi frutti in tempi rapidi.

Prodotti tipici toscani da regalare

Si sa la Toscana è una delle regioni d’Italia molto apprezzata per via della natura, dei monumenti presenti, per non parlare poi della campagna verdeggiante o della riviera assolata. Ma vogliamo parlare della cucina toscana?

Fare un elenco con tutti i prodotti tipici toscani è impossibile, tuttavia per chi è in cerca di un regalo originale da fare ad un proprio caro perché non porre l’attenzione su qualche specialità toscana?

 

E allora vediamo quali sono i prodotti tipici toscani da regalare:

1. Biroldo della Garfagnana

E’ uno dei migliori salumi italiani che vale la pena assaggiare almeno una volta nella vita. In poche parole si tratta di un sanguinaccio preparato con testa di maiale, lingua, cuore e spezie (chiodi di garofano, noce moscata, anice stellato, cannella). Si consuma a fette direttamente sul pane.

2. Guttus

Chi non ha mai sentito parlare del Guttus alzi la mano! E’ una specie di gorgonzola di pecora davvero molto deliziosa. Pare che il nome deriva da un principe etrusco. La crosta ha una presenza di muffe e una pasta molto cremosa dal sapore sapido ma al tempo stesso piccante.

La stagionatura è di almeno 4 mesi. Per poter stagionare ha bisogno di un ambiente con umidità controllata.

Si può accompagnare con miele o cioccolato fuso oppure come unica portata in qualità di dessert.

3. Mortadella di Prato

E che dire della mortadella di Prato? E’ un altro salume dal profumo davvero prelibato. E’ un prodotto unico nel suo genere. La sua storia si perde nella notte dei tempi. Quando questo prodotto è nato, si trattava di un alimento molto povero tant’è che veniva preparato con gli scarti della carne di maiale e il tutto era aromatizzato con l’Alkermes. Ma negli ultimi 20 anni a questa parte la preparazione è cambiata, anziché prediligere gli scarti di maiale, si scelgono le carni di maggior pregio mentre la speziatura è stata ridotta notevolmente.

Insomma per chi vuole fare bella figura con questo salume il successo è garantito! E’ uno dei prodotti tipici toscani maggiormente prediletto e apprezzato.

4. Sfratto dei Goym

Si tratta di un dolce della tradizione ebraica. La sua forma è un biscotto cilindrico con ripieno di noci tritate, miele, noce moscata, scorza di arancia.

La sfoglia dell’involucro viene preparata con farina di grano tenero, zucchero, vino bianco e una spennellata di olio. Da tutto ciò si ottiene un dolce davvero molto squisito che vale la pena  assaggiare.

Una scelta di qualità con la birra artigianale

Fino a pochi anni fa in Italia il fenomeno della birra artigianale ancora non aveva preso piedi molto e non c’erano microbirrifici che la producessero. Fortunatamente oggi grazie il panorama è cambiato, e grazie alle tantissime micro cantine che le producono su tutto il territorio ed alla facile commercializzazione nei siti online come il portale https://www.vestocasa.it/, abbiamo il piacere noi tutti di degustare queste fantastiche bevande artigianali.

Ci si doveva forzatamente accontentare delle birre prodotte in serie su scala industriale, che per quanto buone, non avevano quell’accuratezza e quella manualità che potessero garantire loro le migliori caratteristiche, raggiunte solo attraverso una sapiente lavorazione artigianale.
 

Il panorama estero al contrario della nostra nazione, regalava una vera tradizione in tal senso, soprattutto rivolgendo lo sguardo al nord dell’Europa ed in particolare Belgio, Germania e Gran Bretagna.

E’ stato questo a spingere alcuni italiani ad iniziare l’attività di produzione della birra, a livello artigianale.

A metà degli anni ’90 sono stati effettuati i primi esperimenti, a, in cui si iniziava a realizzare birre artigianali di grande qualità, dove le materie prime erano scelte con grande attenzione e dove ogni fase della lavorazione era seguita con estrema cura e passione.

Al contrario delle classiche birre prodotte all’interno della catena industriale, questo tipo di prodotto locale esigeva alcune fasi di lavorazione manuali che gli conferivano un indubbio valore aggiunto e che ne garantivano ottime caratteristiche.

Inizialmente si trattò di una rivisitazione di birre già viste in altri paesi, ma con il maturare dell’esperienza, il miglioramento della tecnica e l’espansione del mercato, si realizzarono diversi esperimenti, tesi a ricercare un gusto nuovo ed originale, che creasse dei veri e propri stili di gusto italiani, all’insegna della più alta attenzione e cura.
Note caramellate, miele di tiglio e cereali sono solo alcuni tra i numerosi sentori che queste birre sono in grado di trasmetterci.

Nel corso degli anni il fenomeno dei microbirrifici si è espanso progressivamente, fino a raggiungere l’intero territorio nazionale.

Ora queste attività si trovano in ogni regione, ma non sempre è così facile riuscire a reperirne i prodotti. Essendo realtà artigianali – infatti – difficilmente finiscono all’interno dei circuiti della grande distribuzione e sono rintracciabili con difficoltà dai molti appassionati che le continuano a ricercare.
La novità interessante è che queste aziende stanno divenendo così popolari che già alcuni importanti ristoranti stanno introducendo i loro prodotti all’interno dei menu ed è così alta la richiesta che anche le migliori enoteche online hanno voluto inserire le birre artigianali all’interno del loro catalogo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi