Come esportare vino in USA

Come esportare vino in USA

Se sei un produttore di vini, dovresti prendere in considerazione l’idea di esportare i tuoi prodotti negli Stati Uniti d’America. Questo perché gli americani hanno dimostrato di avere una vera e propria passione per i prodotti enogastronomici italiani nel corso degli ultimi anni, tanto da pagarli anche a caro prezzo pur di poterli degustare; vendere prodotti alimentari negli Stati Uniti non è però così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Ecco una guida quindi alle tre soluzioni tra cui puoi scegliere che speriamo possa esserti utile. 

Vendere il tuo vino a un importatore americano 

Vogliamo far partire questa nostra breve guida da quello che è senza dubbio il modo più semplice e veloce per esportare il tuo vino negli Stati Uniti d’America, andare cioè alla ricerca di un importatore su suolo americano. L’importatore che lavora già in America ha tutte le autorizzazioni necessarie per commercializzare il vino. Dato che la tua azienda vende il suo vino in modo diretto all’importatore, tu non hai la necessità di chiedere quindi alcun tipo di autorizzazione. Non dovrai inoltre farti carico di andare alla ricerca di distributori per il tuo vino. L’importatore ha già infatti la sua cerchia di distributori a cui affidare il prodotto. Ecco spiegato il motivo per cui venderne tramite un importatore americano è il modo più semplice e veloce per far arrivare il tuo vino negli Stati Uniti d’America. Questo però non significa che sia anche la soluzione migliore. Si tratta infatti anche del modo più costoso in assoluto per importare. 

Dato che l'importatore lavora come intermediario tra il produttore e il rivenditore, è ovvio che non può permettersi di acquistare il tuo vino ad un prezzo particolarmente alto. Il rischio infatti altrimenti è che il prezzo al dettaglio, al consumatore, sia davvero esagerato. È vero che gli americani sono disposti a pagare molti soldi per una buona bottiglia di vino, ma senza eccessi. Proprio per questo motivo ti troverai costretto ad abbassare notevolmente il prezzo delle tue bottiglie, e questo potrebbe voler dire non riuscire ad incassare quanto vorresti. 

Non solo, dato che si tratta di un intermediario, tu non hai più il controllo sulla distribuzione del tuo vino. Da un lato è comodo non avere il controllo sulla distribuzione. Dall’altro lato però questo significa non avere la possibilità di rimediare ad alcun tipo di problema. Se i distributori dovessero decidere di punto in bianco di non acquistare più il tuo vino? Pensaci, tu non avresti voce in capitolo e l’importatore potrebbe decidere senza alcun tipo di preavviso di smettere di acquistare vino da te. Meglio evitare una situazione di stallo di questa tipologia. 

Ti consigliamo quindi di scegliere quest'opzione solo ed esclusivamente se abbassare il prezzo del tuo prodotto non ti sembra un problema, se conosci molto bene l'importatore, se sai quale sia il suo giro di affari, se conosci i suoi distributori e hai fiducia in loro, oltre che nel tuo vino. 

Importare vino in modo diretto

La seconda soluzione da prendere in considerazione è l'importazione diretta dei tuoi prodotti. Per rendere possibile l'importazione diretta, puoi registrare la tua azienda come una società straniera autorizzata a fare affari con gli Stati Uniti d’America oppure puoi scegliere di creare una società americana, separata rispetto alla tua attuale azienda. Creare una società nuova e separata sembra essere la soluzione più indicata, perché in questo modo la tua azienda non risentirà di eventuali debiti che potresti contrarre e perché renderai più semplici i controlli delle autorità fiscali statunitensi, eliminando ogni possibile rischio come ad esempio il rischio di essere sottoposto ad una doppia tassazione. 

È importante ricordare che per ottenere la licenza federale di cui hai bisogno per portare avanti il tuo business in America, è necessario avere una sede permanente con almeno un dipendente, che resti aperta dalle ore 09.00 alle 17.00 ogni giorno. Inoltre dovrai sottoporti ad un colloquio, a cui dovrai portare tutti i documenti aziendali.

Diventando un importatore diretto puoi godere di numerosi vantaggi. Hai infatti in questo modo il controllo totale sul tuo vino, dal momento della sua produzione sino al rivenditore americano. Dato che non ci sono intermediari di alcun tipo inoltre, hai la possibilità di ridurre notevolmente i costi. 

Scegliere un importatore alternativo

Vuoi esportare il tuo vino negli Stati Uniti d’America, ma, almeno per il momento, l’idea di costruire una società su suolo americano ti sembra un passo un po’ troppo lungo e complesso da compiere. Allo stesso tempo però credi che vi siano troppi svantaggi nel non avere pieno controllo sulla distribuzione del tuo vino, come accade facendo affidamento su un importatore su suolo americano di stampo classico. Sei insomma alla ricerca di una sorta di via di mezzo tra le due soluzioni che ti abbiamo sopra descritto, una sorta di compromesso. Esiste? Certo che sì. Devi andare alla ricerca di un importatore alternativo. 

Con questo termine intendiamo gli importatori che consentono alla tua azienda di avere un contatto diretto con i distributori. In questo caso l’importatore in pratica ha la funzione di mero deposito o magazzino, ovviamente in possesso di tutte le adeguate autorizzazioni del caso. Tu devi assumere degli agenti di vendita che vadano per te alla ricerca di distributori per il tuo vino, anche di commercianti al dettaglio ovviamente. Gli agenti di vendita lavorano per te, anche se puoi chiedere che il loro pagamento venga effettuato direttamente dall’intermediario, in modo da poter mantenere su di loro il massimo controllo. Dato che controlli gli agenti di vendita, controlli in modo diretto anche i distributori. 

Related Post

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi